Progetti

Relais dell'Olmo - Perugia

L'ospitalità, tra vecchie e nuove maniere

Il rapporto con l'esistente nell'ampliamento del Relais dell'Olmo
Autore
Elisa Montalti
Progettista
Stefano Chiocchini
Superfici
TAGINA
Anno di realizzazione
2013

Un antico casale del XVII secolo, immerso tra i vigneti e le verdi colline della campagna umbra, ha ritrovato una nuova funzione dopo una ristrutturazione complessiva nei primi anni 2000, ospitando un Hotel a quattro stelle. Il Relais dell’Olmo sorge oggi a 5 km dal centro storico di Perugia ed è stato sottoposto ad un ulteriore intervento nel corso del 2013 con l’addizione in loco di una Guest House, progettata dallo studio umbro Chiocchini&partners. Le due strutture, quella preesistente e quella di nuova costruzione, sono state inoltre sapientemente collegate da un tunnel completamente vetrato con vista sul giardino, sulla piscina e sull’area solarium, il cuore vero e proprio del Relais. Con questo ultimo intervento architettonico, le 32 camere Classic e Superior dell’Hotel sono diventate 52, di cui 21 fra Deluxe Room, Family Deluxe e Junior Suite. Il ristorante, composto da una sala principale e una sala-colazioni, si sviluppa ad L attorno all’edificio, affacciandosi sull’area della piscina mediante un’ampia e luminosa vetrata, in un’ideologica continuità fisica e visiva con il giardino esterno.
Lo stile del Relais si propone di alto livello con diverse camere dotate di vasca idromassaggio Jacuzzi; travi a vista sul soffitto e decorazioni originali rimandano con la memoria all’essenza dell’antico casale, tipica costruzione rurale umbra. I progettisti hanno inserito in questo contesto storico una serie di servizi moderni e confortevoli: piscina, centro-benessere, palestra, parcheggio, garage e Business Area con 4 sale Meeting, Internet Access e servizi di assistenza e segreteria. Il Relais dell’Olmo sorge infatti nei pressi della più importante area commerciale dell’Umbria ed è diventato negli anni il punto di riferimento per i manager delle grandi aziende di cachemire e food. Il progetto non poteva non tenere conto di questo valore aggiunto dato dalla posizione geografica e ha deciso di dotare l’hotel dei migliori servizi e delle più avanzate tecnologie così da rendere la struttura storica al passo con i tempi.
In questo progetto di ampliamento, l’architetto Stefano Chiocchini si è affidato all’espressività creativa di Tagina Ceramiche d’Arte per la grande capacità aziendale di conciliarsi perfettamente con la tradizione e con le preesistenze storiche. Nel caso del ristorante, sono stati quindi selezionati i grandi formati della serie Warmstones dai colori caldi che ben si relazionano con il legno, con il verde e con le tinte scelte per le superfici interne ed esterne. Nei bagni prevale invece il formato ridotto, declinato nelle piastrelle 35×53, 29×29 cm e nei listelli 9,5×53 cm della collezione SI (Space Identity). In questo caso i colori Green, Brown e Grey “giocano” a terra e in verticale con i lavabi in Corian dalle tinte Bone, Mandarin, Sand, Blue. Per le due Suite, invece, è stata scelta la collezione per interni ed esterni Wire Natural, nata dalla collaborazione tra l’azienda e l’architetto Simone Micheli, preferita nelle tinte eleganti del Black e del Taupe.

Piastrelle
Tagina Ceramiche d' Arte, Wire e Warmstones
Tipologia
grès porcellanato
Formati
24x24 - 20x20 - 20x30 cm
Caratteristiche tecniche
Assorbimento d’acqua (ISO 10545-3): 0,2
Resistenza all’attacco chimico (ISO 10545-13): GL-UGL
Resistenza all’usura e all’abrasione (ISO 10545-6): IV
Resistenza alle macchie (ISO 10545-14): conforme
Resistenza al gelo (ISO 10545-12): conforme
Resistenza alla flessione (ISO 10545-4): 56,7
Resistenza alla scivolosità (DIN 51130): 0,40
Resistenza agli sbalzi termici (ISO 10545-9): conforme
Resistenza al cavillo (ISO 10545-11): conforme
Resistenza alla dilatazione termica lineare (ISO 10545-8): conforme
Richiedi info progetto > Galleria prodotti >